Al via la fase formativa del concorso che premia le produzioni giovanili. Primo appuntamento con Salvianti

E’ iniziato giovedì 17 marzo, a Figline, il corso di formazione previsto nell’ambito della rassegna Teatro Giovani “Alchimie”, il progetto che il Comune di Figline e Incisa Valdarno dedica allavalorizzazione delle produzioni giovanili, ideate o proposte da associazioni culturali, da compagnie amatoriali o dalle scuole superiori del Valdarno.
Oltre alla tradizionale messa in scena di alcuni degli spettacoli (sei in tutto, selezionati tramite apposito bando), l’edizione di quest’anno prevede per i ragazzi anche la partecipazione ad un ciclo di incontri, che si terranno da marzo a maggio al Ridotto del Teatro Garibaldi (Piazza Serristori a Figline; ore 17,30-19). Si tratta di cinque appuntamenti in tutto, durante i quali alcuni professionisti del Teatro nazionale e internazionale terranno delle lezioni di approfondimento su aspetti tecnici e scenografici del mondo della recitazione.

Ad aprire il ciclo di incontri è stato Massimo Salvianti, attore della compagnia Arca Azzurra, che ha proposto una sorta di laboratorio ludico sulla figura dell’attore, lasciando spazio anche alle improvvisazioni. Il prossimo incontro si terrà, invece, il 24 marzo, quando si parlerà della costruzione dello spazio scenico insieme a Daniele Spisa, scenografo e scenotecnico che vanta collaborazioni con registi dal calibro di Servillo, Chiti e Ronconi. A seguire, il 31 marzo, toccherà al light designer Valerio Alfieri spiegare come si scelgono le luci sul palcoscenico e come si adattano ad ogni contesto teatrale.

Il primo appuntamento di aprile è fissato per giorno 14, quando la costumista Serena Naddi si concentrerà sui personaggi da palcoscenico, con particolare riferimento alla costruzione del personaggio attraverso il loro abbigliamento. Il 21 aprile sarà la volta di Riccardo Ventrella, responsabile della comunicazione del Teatro della Toscana, che si occuperà proprio dell’aspetto promozionale di uno spettacolo; il lato organizzativo e le modalità di raccolta fondi per la sua realizzazione, invece, sarà trattato il 28 aprile da Isabella Valoriani, direttrice di numerosi festival internazionali tra cui Fabbrica Europa.

Il ciclo di incontri si concluderà il 5 maggio, alla presenza del direttore artistico Valerio Valoriani, che parlerà dell’importanza della creatività nella realizzazione di uno spettacolo, a partire dalla sua ideazione e dai testi fino alla sua concretizzazione.