Dal 12 maggio al 3 giugno, a Figline, torna la rassegna che premia studenti e compagnie amatoriali del territorio

Alchimie Teatrali_Cartellone 2016Sono sei gli spettacoli in programma al Teatro Garibaldi (piazza Serristori, Figline) dal 12 maggio al 3 giugno, in occasione di Alchimie Teatrali 2016. Si tratta della 7° edizione della rassegna teatrale che il Comune di Figline e Incisa Valdarno – in collaborazione con l’associazione Prima Materia di Montespertoli (Fi) – dedica alla valorizzazione delle produzioni giovanili, coinvolgendo non solo le scuole ma anche le associazioni del territorio. Due le principali novità del 2016: la prima riguarda l’inserimento in rassegna di alcuni laboratori formativi gratuiti, che si sono svolti dal 17 marzo al 5 maggio a cura di esperti del settore; la seconda riguarda il coinvolgimento di una classe a indirizzo grafico del liceo artistico di Montevarchi, alla quale è stato affidato il compito di realizzare il logo ufficiale della rassegna. Un modo per rendere i ragazzi protagonisti di tutte le fasi di ideazione e produzione di questa manifestazione, dando loro la possibilità di affrontare un percorso formativo completo oltre che di mettersi alla prova su un vero palcoscenico teatrale.

Quanto alle performance (in scena al Garibaldi, alle ore 21,30), il primo appuntamento è fissato per il12 maggio con “Otello”: lo spettacolo realizzato dal laboratorio teatrale dell’Istituto Paritario “Marsilio Ficino”, liberamente tratto dall’omonimo dramma di William Shakespeare. Giovedì 19 maggio toccherà invece all’associazione culturale I Folli portare in scena “Inside the black hole”, seguita a ruota dagli studenti del laboratorio teatrale dell’ISIS “Giorgio Vasari”, che il 24 maggio si esibiranno in “Nemico del popolo” (tratto dall’omonimo romanzo di Henrik Ibsen).Giovedì 26 maggio e mercoledì 1 giugno il palcoscenico del Garibaldi sarà calcato rispettivamente dalla Compagnia dei nove, impegnata in Salomè (tratto dall’omonimo romanzo di Oscar Wilde), e dall’associazione culturale Agita, che si esibirà nello spettacolo “In tempo di peste” (opera originale ispirata al Decameton di Giovanni Boccaccio). La chiusura di “Alchimie Teatrali” è prevista invece per il 3 giugno, quando la compagnia Cantiere Artaud porterà in scena “Il signor Pirandello è desiderato al telefono” (tratto dal libro “Dialoghi mancanti” di Antonio Tabucchi).

Tutti gli spettacoli in rassegna saranno valutati da una giuria di esperti – composta da Valerio Valoriani, Angelita Borgheresi, Isabella Valoriani, Riccardo Ventrella e Massimo Salvianti – che assegnerà i tre premi in palio per l’edizione 2016. In particolare, il primo classificato riceverà il Leorso d’oro, un premio in denaro di 1.000 euro e vedrà il proprio spettacolo inserito nel cartellone di prosa 2016/17 del Teatro Garibaldi. Il secondo classificato, invece, riceverà il Leorso d’argento e un premio di 500 euro, mentre il terzo classificato si aggiudicherà il Leorso di bronzo e 250 euro.

“Nel corso dell’anno abbiamo puntato molto su iniziative finalizzate ad avvicinare i giovani al teatro – commenta l’assessore alla Cultura, Mattia Chiosi –. Non a caso, è proprio a loro che abbiamo riservato apposite riduzioni per assistere alla stagione teatrale 2015/2016, oltre ad aver proposto varie iniziative di tipo formativo. Questa edizione di Alchimie Teatrali rientra in quest’ultima categoria, rimodulata e ripensata proprio per permettere ai suoi partecipanti di essere protagonisti attivi di tutte le sue fasi di realizzazione. Per ottenere questo risultato ci siamo avvalsi della collaborazione di esperti del settore, un prezioso aiuto che non può che arricchire ulteriormente un’esperienza già di per sé molto professionalizzante”.