Il Teatro

Il Teatro Comunale Garibaldi è composto da una Sala Grande, in grado di ospitare 490 spetta­tori, e da un Ridotto, per 60 spetta­tori. Nel foyer, oltre alla bigliet­teria e a un guarda­roba, trova spazio il bar del teatro

La Sala Grande, classico esempio di teatro all’Italiana ottocen­tesco, possiede quattro ordini di palchi e una platea nei caldi colori del rosso, del velluto, con rifini­ture dorate e stucchi. Il palco­sce­nico con un bocca­scena di circa 7,5 mt e una profon­dità di oltre 11 mt, è adatto ad ospitare la maggior parte degli spetta­coli di prosa o concer­ti­stica: da monologhi, a complesse sceno­grafie; da gruppi da camera, a orche­stre sinfoniche.

Il Ridotto, situato al primo piano del Teatro, ha una platea e un palco­sce­nico adatti a piccoli eventi ed incontri che repli­cano, seppure in scala ridotta, l’atmosfera classica ed elegante della Sala Grande. 

Inserito all’interno del cassero delle mura trecen­te­sche, il Garibaldi venne edifi­cato per una società di posses­sori di azioni per la costru­zione di un teatro e stanze di conver­sa­zione detta Accademia dei Risorti, di cui faceva parte il Comune, sorta nel Novembre 1859, alla cui presi­denza era il Conte Alfredo Serri­stori.

Fin dal Settembre 1860 venne incari­cato del progetto l’ingegnere archi­tetto Angelo Pieral­lini. Aperte le stanze di conver­sa­zione il 28 Gennaio 1869 con una festa da ballo, il teatro, decorato con sapore neoclas­sico ed intito­lato a Giuseppe Garibaldi, venne inaugu­rato il 16 Aprile 1872 con l’opera “Ernani” di Giuseppe Verdi, mentre il 7 Giugno 1884 fu messa in scena la prima rappre­sen­ta­zione di prosa “Arduino d’Ivrea” di Stani­slao Morelli.

Nel 1878 venne acqui­stato da alcuni citta­dini figli­nesi che nel Gennaio 1879 costi­tui­rono l’Accademia dei Concordi. Attivo fino al 1957, dopo un periodo di abban­dono ed il succes­sivo restauro, è stato riaperto il 7 Ottobre 1995.

Scopri le dotazioni tecniche della Sala Grande e la pianta tecnica del palcoscenico

Arena del Teatro

All’esterno del Teatro, a sinistra della facciata ottocen­tesca, è situata l’arena estiva che guarda le mura in pietra del “Cassero”, forti­fi­ca­zione della cinta muraria costruita dalla Repub­blica Fioren­tina e riadat­tata per la costru­zione della Sala Grande.

L’arena, una piccola cavea incli­nata, ospita eventi e spetta­coli durante il periodo estivo e può accogliere 180 spetta­tori. 

Nel 2018, con la prima edizione dell’Arena Summer Fest, il Teatro Comunale Garibaldi ha infatti inaugu­rato una stagione estiva che, nel 2022, ha totaliz­zato 1.500 spetta­tori su 14 serate da giugno ad agosto.

Ridotto del Teatro

Le “stanze di conver­sa­zione” che negli anni si sono trasfor­mate nel Ridotto del teatro, furono aperte il 28 Gennaio 1869 con una festa da ballo, con tre anni di anticipo sulla Sala Grande. Scopri di più

Le Stagioni 2022 | 2023

Stagione
Concer­ti­stica

Stagione
di Prosa

Fuori
Cartel­lone

Arena
Summer Fest

Hai delle domande? Scrivici per qualunque informazione!